CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N. 13661-2019 – SINISTRI – RAPPORTO TRA GIUDIZIO PENALE E GIUDIZIO CIVILE – LA SOSPENSIONE NON SI APPLICA NEL CASO DI AZIONE DI DANNO PROPOSTA NEI CONFRONTI DEL…

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza 13661, pubblicata in data 21.05.2019, ha enunciato il principio di diritto secondo il quale "in tema di rapporto tra giudizio penale e giudizio civile, i casi di sospensione necessaria previsti dall'art. 75, 3 0 co., c.p.p., che rispondono a finalità diverse da quella di preservare l'uniformità dei giudicati, e richiedono che la sentenza che definisca il processo penale influente sia destinata a produrre in quello civile il vincolo rispettivamente previsto dagli artt. 651, 651 -bis, 652 e 654 c.p.p., vanno interpretati restrittivamente, di modo che la sospensione non si applica qualora il danneggiato proponga azione di danno nei…

CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA N. 120/2019 – PARTICOLARE TENUITA' DEL FATTO – NEI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI DI COMPETENZA DEL GIUDICE DI PACE NON TROVA APPLICAZIONE LA CAUSA DI ESCLUSIONE DELLA…

La Corte Costituzionale, con la sentenza de qua, ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 131-bis del codice penale, sollevata, in riferimento all'art. 3 della Costituzione, dal Tribunale ordinario di Catania, ribadendo che nei procedimenti relativi ai reati di competenza del giudice di pace non trova applicazione la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui al predetto art. 131-bis c.p.. SENTENZA N. 120 ANNO 2019 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Giorgio LATTANZI; Giudici : Aldo CAROSI, Marta CARTABIA, Mario Rosario MORELLI, Giancarlo CORAGGIO,…

CORTE DI CASSAZIONE – ORDINANZA N. 12309/2019 – L'AUTOVELOX INSTALLATO NEL SENSO DI MARCIA OPPOSTO A QUELLO PREVISTO DAL DECRETO PREFETTIZIO RENDE LA MULTA NULLA – 09.05.2019

La Corte di Cassazione, con l'ordinanza in esame, ha affermato che qualora il decreto prefettizio abbia previsto la legittima installazione dell'autovelox lungo un solo senso di marcia ed, invece, l'accertamento sia stato effettuato mediante la rilevazione di un autovelox posizionato sul contrapposto senso di marcia, ne consegue che, difettando a monte l'adozione di uno specifico provvedimento autorizzativo, il relativo verbale di contestazione differita della violazione di cui all'art. 142 c.d.s. debba ritenersi affetto da “illegittimità derivata”. La Corte, richiamando un proprio precedente, ha sottolineato che in tema di violazioni del codice della strada, se è pur vero che il più volte…

CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N. 17668/2019 – LA REVOCA DEL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NON DETERMINA LA INEFFICACIA DEL DECRETO DI LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI IN FAVORE DEL DIFENSORE – 29.04.2019

La Corte di Cassazione, quarta Sezione Penale, con la sentenza 17668/2019, ha affermato il seguente principio di diritto: “alla revoca ai sensi dell'art.112 comma I lett. d) del provvedimento di ammissione al patrocinio a spese dello Stato non consegue altresì la inefficacia del decreto di liquidazione del compenso al difensore che l'autorità giudiziaria abbia emesso ai sensi dell'art.82 Dpr 115/2002 in costanza del provvedimento di ammissione, successivamente revocato”. CORTE DI CASSAZIONE 4 SEZIONE PENALE SENTENZA N. 17668 DEL 29.04.2019 Presidente: FUMU GIACOMO Relatore: BELLINI UGO Data di pubblicazione: 29.04.2019 SENTENZA sul ricorso proposto da: L.G.M avverso l'ordinanza del…

Stampa

Carte di credito revolving

Scritto da La Redazione on . Postato in Approfondimenti

Le carte di credito revolving ricevute a mezzo posta e senza la sottoscrizione di appositi contratti, molto spesso, non risultano emesse a norma di legge. Infatti, molti operatori finanziari, a seguito di un primo finanziamento concesso al consumatore presso un esercente commerciale, inviano a mezzo posta - presso il domicilio del consumatore - una carta di credito revolving. Tale carta di credito viene attivata al primo utilizzo e prevede tassi di interessi al limite dei tassi soglia antiusura e non formalmente pattuiti.

Tale prassi, sicuramente non conforme alla normativa vigente, può essere contestata all'operatore finanziario il quale dovrà restituire tutti gli interessi e spese percepiti nel tempo a fronte del finanziamento revolving.

Il Sito internet si avvale di esperti legali che potranno supportare gli Utenti del Sito nella contestazione delle evidenziate irregolarità e, qualora l'operatore finanziario non intenda restituire i consistenti interessi e spese versati, il consumatore sarà assistito dinanzi all'Arbitrato Bancario e Finanziario.

I costi della procedura stragiudiziale e dinanzi l'arbitrato sono estremamente competitivi in quanto ammontano a complessivi €20 da corrispondere in favore dell'Arbitrato Bancario e Finanziario (importo che sarà restituito dall'operatore finanziario in caso di vittoria) ed un minimo onorario da concordare con il legale, in linea con i parametri minimi indicati dal Sito. Si precisa che nel caso di  soccombenza il consumatore non sarà tenuto a sopportare ulteriori spese, ma non potrà ottenere la restituzione di 20 Euro versati alla Banca d'Italia. Invece, in caso di vittoria del ricorso, l'Istituto di credito sarà tenuto a restituire all'Utente la somma di €20 ed a rispettare la decisione arbitrale.

La procedura per ottenere la restituzione degli interessi e spese versati è semplice:
- previo contatto ed accordo con il legale, l'utente deve compilare e firmare il modulo di richiesta predisposto dall'Arbitrato Bancario e Finanziario;
- l'utente deve consegnare e/o inviare, a mezzo posta o mail, il modulo e la documentazione relativa alla carta di credito revolving;
- l'utente conferirà apposito mandato al legale;
- l'utente consegnerà copia del bollettino postale di €20 in favore della Banca d'Italia, quale pagamento di tutte le spese dell'arbitrato.

La durata di tutta la procedura viene stimata in 6/7i mesi.

Per qualsiasi informazione: finanziamenti@giudicedipace.it

 

 

 

News Legislative

1286

Giudice di Pace in sciopero dal 6 al 17 maggio 2019

Le associazioni di categoria dei giudici di pace e dei magistrati onorari UNAGIPA, ANGDP, COGITA E FEDERMOT, hanno proclamato un’astensione dalle udienze penali e civili, a motivo della “persistente…
823

Femminicidio e violenza di genere

Il 25 ottobre 2018 è stata pubblicata in G.U. n. 249 la Delibera del Senato del 16 ottobre 2018 che prevede, nuovamente, l'istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio,…
1758

Giudici di Pace ancora in sciopero dal 21 al 25 novembre 2017

I Giudici di Pace e tutta la magistratura onoraria di tribunale proseguono la protesta contro la riforma Orlando. Infatti, dopo le astensioni degli scorsi mesi, le associazioni di categoria…
2347

Riforma della Magistratura Onoraria - Pubblicato in Gazzetta n. 177 del 31 luglio 2017 - Entrata in vigore 15 agosto 2017.

Il 15 agosto è entrato in vigore il decreto che prevedeuna ampia riforma sui Giudici di Pace. Il decreto, in attuazione della legge 29 aprile 2016, n. 57, ha introdotto: uno statuto unico della…
2495

Nuovo sciopero per i Giudici di Pace, questa volta si fermeranno per un mese: dal 15 maggio all'11 giugno

I Giudici di Pace hanno proclamato lo sciopero nazionale della categoria per quattro settimane consecutive, a partire dal 15 maggio e sino all'11 giugno 2017. Saranno sospese tutte le attività…
3044

Il Governo approva la riforma della Magistratura onoraria. Estesa la competenza dei Giudici di Pace

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in prima lettura, il decreto legislativo di riordino dell’intera magistratura onoraria. Un intervento che copre una buona parte della materia. Dalle competenze…

IN EVIDENZA

982

CORTE DI CASSAZIONE N. 8230/2019 – NULLITÀ DEGLI ATTI TRASLATIVI DI IMMOBILI ABUSIVI – 22.03.2019

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 8230 del 22 marzo 2019, è…
974

CORTE DI CASSAZIONE N. 32201/2018 – NOTIFICAZIONI – ART. 140 C.P.C. – IRREPERIBILITÀ DEL DESTINATARIO – 12.12.2018

La Corte di Cassazione, con l'ordinanza in esame, ha ribadito il seguente principio di…

Link Istituzionali

PARLAMENTO AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI
GOVERNO AGROTECNICI
MINISTERO DEGLI ESTERI ARCHITETTI
MINISTERO DELL'INTERNO AVVOCATI
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA AVVOCATI DI NAPOLI
MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI BIOLOGI
MINISTERO PER I BENI ED ATTIVITA' CULTURALI DOTTORI COMMERCIALISTI
MINISTERO DELLA SALUTE CONSULENTI DEL LAVORO
MINISTERO DELL'INFRASTRUTTURE E TRASPORTI GEOLOGI
MINISTERO DELL'AMBIENTE GEOMETRI
MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI GIORNALISTI
MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E RICERCHE INGEGNERI
MINISTERO DELLE ECONOMIE E DELLE FINANZE PSICOLOGI
CORTE DI CASSAZIONE PERITI INDUSTRIALI
CORTE COSTITUZIONALE ANSA
MINISTERO DELLA DIFESA TGCOM
CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA IL SOLE 24 ORE
CONSIGLIO DI STATO CORRIERE DELLA SERA
CORTE DEI CONTI LA REPUBBLICA
CARABINIERI IL MATTINO
POLIZIA DI STATO LA GAZZETTA DELLO SPORT
POLIZIA MUNICIPALE CORRIERE DELLO SPORT
GUARDIA DI FINANZA  
ESERCITO ITALIANO  
AEREONAUTICA MILITARE  
MARINA MILITARE