Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo. Questo sito fa uso di cookie di terze parti.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Corte di Cassazione n. 811/2015 – il danno biologico va distinto dal danno morale – 20/01/2015 –

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha ribadito il principio secondo cui il danno morale è del tutto svincolato da quello più propriamente biologico, e postuli una ben diversa valutazione sul piano equitativo. . CORTE DI CASSAZIONE CIVILE SEZIONE III – SENTENZA N. 811/2015 Presidente: BERRUTI GIUSEPPE MARIA Relatore: TRAVAGLINO GIACOMO Data pubblicazione: 20/01/2015 SENTENZA sul ricorso 26968-2008 proposto da: S. M. C. .., C. D.. .., C.. C. .., elettivamente domiciliati in ROMA, ……, presso lo studio dell'avvocato A. C., rappresentati e difesi dall'avvocato A. M. giusta procura speciale a margine del ricorso; Ricorrente contro GENERALI ASSICURAZIONI SPA nella qualità di Impresa…

Corte di Cassazione Ordinanza n. 12932/2015 – notifica a mezzo posta –priva di alcun valore la prova della data di spedizione della raccomandata risultante dall’avviso di ricevimento senza che ci…

Corte di Cassazione Ordinanza n. 12932/2015 – notifica a mezzo posta –priva di alcun valore la prova della data di spedizione della raccomandata risultante dall’avviso di ricevimento senza che ci sia l’attestazione dell’ufficiale postale – 20.05.2015 . - CORTE DI CASSAZIONE CIVILE SEZIONE VI^ ORDINANZA N. 12932/2015 Presidente: BOGNANNI SALVATORE Relatore: CONTI ROBERTO GIOVANNI Data pubblicazione: 23/06/2015 ORDINANZA sul ricorso 1742-2014 proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del direttore protempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis; - ricorrente - contro F. D. S.p.A., in…

Corte di Cassazione n. 11142/2015 – estratto ruolo munito della dichiarazione di conformità all'originale costituisce prova del credito, ai sensi dell'art. 2718 c. c. – 29/05/2015 -

La Corte di Cassazione, con la sentenza in oggetto, ha ribadito il seguente principio di diritto : 'L'estratto di ruolo è la fedele riproduzione della parte del ruolo relativa alla o alle pretese creditorie azionate verso il debitore con la cartella esattoriale, contenente tutti gli elementi essenziali per identificare la persona del debitore, la causa e l'ammontare della pretesa creditoria. Ne consegue che esso costituisce idonea prova (ai sensi dell'art. 2718 cod. civ) della entità e della natura del credito portato dalla cartella esattoriale ivi indicata, anche ai fini della verifica della natura tributaria o meno del credito azionato, e quindi della verifica della giurisdizione…

Corte Costituzionale Sentenza 113/2015 – autovelox illegittimi senza verifiche periodiche e tarature – 18.06.2015 –

“appare evidente che qualsiasi strumento di misura, specie se elettronico, è soggetto a variazioni delle sue caratteristiche e quindi a variazioni dei valori misurati dovute ad invecchiamento delle proprie componenti e ad eventi quali urti, vibrazioni, shock meccanici e termici, variazioni della tensione di alimentazione. Si tratta di una tendenza disfunzionale naturale direttamente proporzionata all’elemento temporale. L’esonero da verifiche periodiche, o successive ad eventi di manutenzione, appare per i suddetti motivi intrinsecamente irragionevole”. “la tutela degli automobilisti viene in qualche modo compressa per effetto della parziale inversione dell’onere della prova, dal momento…

Cartelle esattoriali – termine per impugnare di 60 giorni se non notificati gli atti pregressi – 15.05.09. -

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

Interessante sentenza del Giudice di Pace di Palermo, il quale ha ribadito  che:”Ai sensi dell’art. 22 della Legge 689/81, contro l’ordinanza-ingiunzione di pagamento gli interessati possono proporre opposizione davanti al Giudice di Pace entro il termine perentorio di giorni trenta dalla notificazione del provvedimento, a pena di inammissibilita’ del ricorso. Del pari, è possibile proporre ricorso – sempre entro il termine perentorio di trenta giorni - avverso la cartella di pagamento, ma ove si eccepisca la mancata notificazione degli atti pregressi ( accertamento di violazione, ordinanza-ingiunzione di pagamento, etc. ) il termine di legge risulta essere si sessanta giorni “ essendo a tal fine essenziale il dato rappresentato dalla incontestata funzione recuperatoria dell'opposizione, cui va riconosciuta una sorta di forza attrattiva nei confronti della relativa disciplina impugnatoria, da cui l'esigenza di conformare la disciplina applicabile a quella dettata per l'azione recuperata “.Questo l’orientamento ormai consolidato della Suprema Corte.  







                                                             REPUBBLICA ITALIANA

                                                      IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
 

Il Giudice di Pace della VIII sezione civile, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente  SENTENZA nella causa iscritta al n. 5374/2009 R.G. e promossa daG. C., rappresentata e difesa dall’Avv. O. D. G., presso il cui studio, sito in via A. B. n. 4, ha eletto domicilio, in virtu’ di procura alle liti opponente

contro 
Comune di Palermo, in persona del Sindaco pro-tempore, rappresentato e difeso dal Comm. di P.M. U. L. N.opposto costituito

Serit Sicilia S.p.a., in persona del legale rappresentante pro-tempore opposto contumace

Oggetto : opposizione a sanzione amministrativa.Conclusioni : come in atti.

                                                       SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
 

Con ricorso depositato il 09/04/2009, l’istante chiedeva l’annullamento della cartella di pagamento n. 296 2008 00810168 15 della Serit Sicilia S.p.a., limitatamente all’importo di € 189,70, di cui al ruolo n. 2008/5269, somma di cui risulta essere ente creditore il Comune di Palermo, ed in tal senso eccepiva l’insussistenza dell’infrazione contestata ( sosta del veicolo senza esposizione della scheda parcheggio ), atteso che la stessa nella circostanza apponeva il talloncino di medico all’interno della vettura ( in quanto stava effettuando una visita domiciliare ), e comunque la medesima risulta titolare di pass per la zona P12.
Allegava, all’uopo, al ricorso la predetta cartella esattoriale, senza pero’ produrre la busta, indicante il timbro postale o altra prova scritta di notifica, al fine di determinare compiutamente la tempestivita’ della propria opposizione, avverso l’atto opposto.
A tal fine, l’odierno Giudicante emetteva decreto di fissazione dell’udienza di comparizione, con annesso ordine – rivolto all’opponente – di deposito, in cancelleria ed entro il termine perentorio del 12/05/2009, di prova scritta, concernente la data di notifica della cartella esattoriale, con l’avvertimento che, in difetto, il ricorso, da questi proposto, sarebbe stato dichiarato – all’esito dell’udienza – inammissibile.
Assolvendo all’incombenza posta a suo carico, l’opponente produceva in tempo utile la documentazione richiesta ex lege, ove si evinceva che la cartella di pagamento era stata notificata alla stessa in data 16/02/2009.
Contumace la societa’ esattrice, si costituiva in giudizio il Comune di Palermo che chiedeva l’inammissibilita’ del ricorso, stante che non veniva posta in discussione dall’opponente la regolare notificazione dei verbali d’infrazione.Ai sensi dell’art. 321 c.p.c., la causa veniva ritenuta matura per la decisione. 

                                                         MOTIVI DELLA DECISIONE
 

Ai sensi dell’art. 22 della Legge 689/81, contro l’ordinanza-ingiunzione di pagamento gli interessati possono proporre opposizione davanti al Giudice di Pace entro il termine perentorio di giorni trenta dalla notificazione del provvedimento, a pena di inammissibilita’ del ricorso.
Del pari, è possibile proporre ricorso – sempre entro il termine perentorio di trenta giorni - avverso la cartella di pagamento, ma ove si eccepisca la mancata notificazione degli atti pregressi ( accertamento di violazione, ordinanza-ingiunzione di pagamento, etc. ) il termine di legge risulta essere si sessanta giorni “essendo a tal fine essenziale il dato rappresentato dalla incontestata funzione recuperatoria dell'opposizione, cui va riconosciuta una sorta di forza attrattiva nei confronti della relativa disciplina impugnatoria, da cui l'esigenza di conformare la disciplina applicabile a quella dettata per l'azione recuperata “.
Questo l’orientamento ormai consolidato della Suprema Corte ( per tutte, Cass. Civ. 17312/2007 ; conf. da Cass. Civ. 3647/2007 ).
Alla luce di quanto rilevato, l’opponente – non contestando espressamente la mancata notifica dei verbali di infrazione - ed avendo ricevuto la notifica della cartella esattoriale in data 16/02/2009, ha proposto ricorso in data 09/04/2009, e dunque ampiamente fuori termine.
Risulta pertanto precluso per l’odierno Giudicante l’esame dei motivi eccepiti nel ricorso, atteso che lo stesso appare preliminarmente inammissibile.Le spese di lite seguono la soccombenza e si determinano, in via equitativa, ma tenendo conto delle retribuzioni dei funzionari e del personale archivistico ( cosi’, Cass. Civ., sez. I, 27/02/2001 n. 2848 ) impegnato per la difesa della resistente, nell’importo di € 200,00. 

                                                                      P. Q. M. 

Visti gli artt. 22 comma 3 e 23 della Legge 689/81;
Visti gli artt. 97, 98 e 99 del D.Lvo 30.12.99 n. 507 ;Dichiara preliminarmente inammissibile l’opposizione proposta da G. C., come sopra rappresentata e difesa, in data 09/04/2009 avverso la cartella di pagamento n. 296 2008 00810168 15 della Serit Sicilia S.p.a., limitatamente all’importo di € 189,70, di cui al ruolo n. 2008/5269.
Condanna l’opponente G. C. al pagamento delle spese processuali, in favore del Comune di Palermo, ed ammontanti ad € 200,00. 
Cosi’ deciso in Palermo il  15/05/2009.

      Il Giudice di Pace

   (Dott. Vincenzo Vitale)

News Legislative

46

il Governo riforma ancora l'esecuzione civile

Ancora una volta il Governo interviene sul processo civile, sull’esecuzione e con la decretazione d’urgenza. È dura rilevare quale sia l’urgenza di provvedere con decreto-legge e di rinunciare così,…
343

Corte Costituzionale: Autovelox e Tutor illegittimi senza verifiche periodiche e tarature

Importante sentenza ( n. 113/2015 ) della Corte Costituzionale, la quale ha dichiarato incostituzionale l'articolo 45 del nuovo codice della strada nella parte in cui non prevede che tutte le…
116

Normativa in materia di cookie: i chiarimenti del Garante privacy in merito all’attuazione

Sono pervenute al Garante numerose richieste – provenienti in particolare da piccoli gestori – concernenti alcuni punti del provvedimento in materia di cookie dell’8 maggio 2014. Il Garante,…
406

Tirocinio laureati, il ministro Orlando firma il decreto

 Il Ministro della Giustizia Orlando firma decreto per risorse relative al tirocinio laureati presso uffici giudiziari. Ammonta a 8 milioni di euro, per il solo anno 2015, la somma stanziata dal…
549

L. n. 247/2012, Riforma della Professione Forense, Art. 22 - Disciplina Patrocinio innanzi alle giurisdizioni superiori.

L. n. 247/2012, Riforma della Professione Forense, Art. 22 - Disciplina Patrocinio innanzi alle giurisdizioni superiori. Segnaliamo una importante proposta formulata dall'Associazione Forense " Magna…
469

Infrazioni Cds - Pagamento ridotto e spese

Nel caso di infrazione alle norme del codice della strada, il trasgressore è tenuto al pagamento di una sanzione amministrativa, determinata dall'ufficio accertatore nell'ambito della cornice…

IN EVIDENZA

4043

Differita Evento Streaming Processo Telematico

Il sito Giudicedipace.it e' lieto di offrire ai propri lettori, in collaborazione con…
812

Regolamento recante disposizioni per l’accertamento dell’esercizio della professione di Avvocato

Il Ministero della Giustizia ha adottato lo schema del decreto relativo al “Regolamento…
3893

Corte di Cassazione n. 26696/2013 – avvocati –domiciliazioni – Pec – 28.11.2013 -

"Le Sezioni Unite di questa Corte, nel ribadire la perdurante operatività del R.D. n. 37…
3367

Solo vacanze, niente stress Il risarcimento per la vacanza rovinata

Dopo un anno di lavoro, di stress e di lotta per la sopravvivenza nella giungla della…