Corte Costituzionale n. 37/2015 – illegittime le assegnazioni di mansioni di dirigenti a semplici funzionari da parte dell’Agenzia delle Entrate – nullità degli atti firmati da questi funzionari ?…

La Corte Costituzionale, con la sentenza in esame, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del’art. 8, comma 24, del d.l. n. 16 del 2012, come convertito, che ha contribuito all’indefinito protrarsi nel tempo di un’assegnazione asseritamente temporanea di mansioni superiori, senza provvedere alla copertura dei posti dirigenziali vacanti da parte dei vincitori di una procedura concorsuale aperta e pubblica. In sostanza, L’Agenzia delle Entrate, dando incarico di dirigenti a semplici funzionari non in possesso della qualifica relativa, ha ecceduto nel suo potere di deroga a norme di rango superiori, al di fuori delle ipotesi tassativamente previste dalla legge, senza indicazione del…

Preavviso di fermo – illegittimo se iscritto sull’unico veicolo del contribuente utilizzato per recarsi a lavoro –vizio parziale del fermo travolge intero provvedimento – 03.04.2014. -

La Commissione Tributaria Provinciale di Milano, con la sentenza in esame, ha precisato che, quando il fermo amministrativo iscritto dalla società di riscossione, abbia ad oggetto un veicolo che viene adoperato dal contribuente per recarsi a lavoro e, quest’ultimo non abbia altri mezzi di locomozione, l'autovettura oggetto del provvedimento amministrativo deve essere considerata, a tutti gli effetti, bene strumentale e indispensabile per lo svolgimento dell'attività lavorativa. Pertanto, il bene non può essere sottoposto a fermo amministrativo. Inoltre, la Commissione ha anche precisato che il provvedimento di fermo amministrativo è per sua natura analogo all'atto di precetto nell'ambito…

Gratuito Patrocinio – spese legali liquidate all’avvocato – mancato pagamento – accertamento – interesse ad agire –sussistenza – 27.11.2014.

Il giudice di Pace di Napoli, con la sentenza in esame, ha riconosciuto il diritto dell’avvocato al pagamento delle spese legali liquidate con precedente decreto dal Tribunale, con importo a carico dell’Erario, in quanto la parte era stata precedentemente ammessa al Gratuito Patrocinio. UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI NAPOLI 7 sezione civile Repubblica italiana In nome del popolo italiano Il giudiee di pace dr. Antonio Cappiello ha pronunciato la seguente SEN TENZA Nella causa iscritta al n. 52713/ 2014 R. G. promossada: xxxxxxxx nato a Napoli xxxxxxx, ivi dom.to in xxxxxxxxxxxx presso il proprio studio legale procuratore di se medesimo attore CONTRO Ministero dell 'Economia e delle Finanze…

Sinistro stradale – risarcimento danni – applicazione dell’art. 185 c.p.c. – proposta conciliativa formulata dal Giudice -

Interessante provvedimento del Giudice di Pace di Pomigliano d’Arco, con cui, ai sensi dell’art. 185 bis c.p.c., avuto riguardo alla natura del giudizio, al valore della controversia e all’esistenza di questioni di facile e pronta soluzione di diritto, ha formulato una a proposta conciliativa alle parti, nel rispetto del principio della cd “economia processuale”. REPUBBLICA ITALIANA Giudice di Pace di Pomigliano d’ Arco Il Giudice Avv. Giovanni Manfredi Rilevato che nelle more del presente procedimento e’ entrato in vigore , con immediata applicabilita’ (Trib. Milano ,26/06/2013), l’art. 185 bis c.p.c a mente del quale “il giudice, alla prima udienza, ovvero sino ma quando e’ esaurita…

Cartelle esattoriali – termine per impugnare di 60 giorni se non notificati gli atti pregressi – 15.05.09. -

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

Interessante sentenza del Giudice di Pace di Palermo, il quale ha ribadito  che:”Ai sensi dell’art. 22 della Legge 689/81, contro l’ordinanza-ingiunzione di pagamento gli interessati possono proporre opposizione davanti al Giudice di Pace entro il termine perentorio di giorni trenta dalla notificazione del provvedimento, a pena di inammissibilita’ del ricorso. Del pari, è possibile proporre ricorso – sempre entro il termine perentorio di trenta giorni - avverso la cartella di pagamento, ma ove si eccepisca la mancata notificazione degli atti pregressi ( accertamento di violazione, ordinanza-ingiunzione di pagamento, etc. ) il termine di legge risulta essere si sessanta giorni “ essendo a tal fine essenziale il dato rappresentato dalla incontestata funzione recuperatoria dell'opposizione, cui va riconosciuta una sorta di forza attrattiva nei confronti della relativa disciplina impugnatoria, da cui l'esigenza di conformare la disciplina applicabile a quella dettata per l'azione recuperata “.Questo l’orientamento ormai consolidato della Suprema Corte.  







                                                             REPUBBLICA ITALIANA

                                                      IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
 

Il Giudice di Pace della VIII sezione civile, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente  SENTENZA nella causa iscritta al n. 5374/2009 R.G. e promossa daG. C., rappresentata e difesa dall’Avv. O. D. G., presso il cui studio, sito in via A. B. n. 4, ha eletto domicilio, in virtu’ di procura alle liti opponente

contro 
Comune di Palermo, in persona del Sindaco pro-tempore, rappresentato e difeso dal Comm. di P.M. U. L. N.opposto costituito

Serit Sicilia S.p.a., in persona del legale rappresentante pro-tempore opposto contumace

Oggetto : opposizione a sanzione amministrativa.Conclusioni : come in atti.

                                                       SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
 

Con ricorso depositato il 09/04/2009, l’istante chiedeva l’annullamento della cartella di pagamento n. 296 2008 00810168 15 della Serit Sicilia S.p.a., limitatamente all’importo di € 189,70, di cui al ruolo n. 2008/5269, somma di cui risulta essere ente creditore il Comune di Palermo, ed in tal senso eccepiva l’insussistenza dell’infrazione contestata ( sosta del veicolo senza esposizione della scheda parcheggio ), atteso che la stessa nella circostanza apponeva il talloncino di medico all’interno della vettura ( in quanto stava effettuando una visita domiciliare ), e comunque la medesima risulta titolare di pass per la zona P12.
Allegava, all’uopo, al ricorso la predetta cartella esattoriale, senza pero’ produrre la busta, indicante il timbro postale o altra prova scritta di notifica, al fine di determinare compiutamente la tempestivita’ della propria opposizione, avverso l’atto opposto.
A tal fine, l’odierno Giudicante emetteva decreto di fissazione dell’udienza di comparizione, con annesso ordine – rivolto all’opponente – di deposito, in cancelleria ed entro il termine perentorio del 12/05/2009, di prova scritta, concernente la data di notifica della cartella esattoriale, con l’avvertimento che, in difetto, il ricorso, da questi proposto, sarebbe stato dichiarato – all’esito dell’udienza – inammissibile.
Assolvendo all’incombenza posta a suo carico, l’opponente produceva in tempo utile la documentazione richiesta ex lege, ove si evinceva che la cartella di pagamento era stata notificata alla stessa in data 16/02/2009.
Contumace la societa’ esattrice, si costituiva in giudizio il Comune di Palermo che chiedeva l’inammissibilita’ del ricorso, stante che non veniva posta in discussione dall’opponente la regolare notificazione dei verbali d’infrazione.Ai sensi dell’art. 321 c.p.c., la causa veniva ritenuta matura per la decisione. 

                                                         MOTIVI DELLA DECISIONE
 

Ai sensi dell’art. 22 della Legge 689/81, contro l’ordinanza-ingiunzione di pagamento gli interessati possono proporre opposizione davanti al Giudice di Pace entro il termine perentorio di giorni trenta dalla notificazione del provvedimento, a pena di inammissibilita’ del ricorso.
Del pari, è possibile proporre ricorso – sempre entro il termine perentorio di trenta giorni - avverso la cartella di pagamento, ma ove si eccepisca la mancata notificazione degli atti pregressi ( accertamento di violazione, ordinanza-ingiunzione di pagamento, etc. ) il termine di legge risulta essere si sessanta giorni “essendo a tal fine essenziale il dato rappresentato dalla incontestata funzione recuperatoria dell'opposizione, cui va riconosciuta una sorta di forza attrattiva nei confronti della relativa disciplina impugnatoria, da cui l'esigenza di conformare la disciplina applicabile a quella dettata per l'azione recuperata “.
Questo l’orientamento ormai consolidato della Suprema Corte ( per tutte, Cass. Civ. 17312/2007 ; conf. da Cass. Civ. 3647/2007 ).
Alla luce di quanto rilevato, l’opponente – non contestando espressamente la mancata notifica dei verbali di infrazione - ed avendo ricevuto la notifica della cartella esattoriale in data 16/02/2009, ha proposto ricorso in data 09/04/2009, e dunque ampiamente fuori termine.
Risulta pertanto precluso per l’odierno Giudicante l’esame dei motivi eccepiti nel ricorso, atteso che lo stesso appare preliminarmente inammissibile.Le spese di lite seguono la soccombenza e si determinano, in via equitativa, ma tenendo conto delle retribuzioni dei funzionari e del personale archivistico ( cosi’, Cass. Civ., sez. I, 27/02/2001 n. 2848 ) impegnato per la difesa della resistente, nell’importo di € 200,00. 

                                                                      P. Q. M. 

Visti gli artt. 22 comma 3 e 23 della Legge 689/81;
Visti gli artt. 97, 98 e 99 del D.Lvo 30.12.99 n. 507 ;Dichiara preliminarmente inammissibile l’opposizione proposta da G. C., come sopra rappresentata e difesa, in data 09/04/2009 avverso la cartella di pagamento n. 296 2008 00810168 15 della Serit Sicilia S.p.a., limitatamente all’importo di € 189,70, di cui al ruolo n. 2008/5269.
Condanna l’opponente G. C. al pagamento delle spese processuali, in favore del Comune di Palermo, ed ammontanti ad € 200,00. 
Cosi’ deciso in Palermo il  15/05/2009.

      Il Giudice di Pace

   (Dott. Vincenzo Vitale)
Condividi

News Legislative

129

Cassazione Sez. Unite: valido il preliminare del preliminare. Assume dignità giuridicala classica "proposta" redatta dall'intermediatore mobiliare

Il “preliminare del preliminare” è legittimo. Questa è la nuova posizione della Cassazione sul contratto preliminare con cui i contraenti si obbligano alla stipula di un successivo e ulteriore…
229

Autonoleggio: sospese le multe per mancata annotazione

Le sanzioni per mancata annotazione del cliente sulla carta di circolazione dei veicoli a noleggio sono ufficialmente sospese. Infatti, le forze dell’ordine hanno ricevuto dal ministero dell’Interno…
478

I Giudici di Pace scioperano dal 9 al 14 marzo

I Giudici di Pace sciopereranno dal 9 al 14 marzo contro il progetto di riforma predisposto dal Ministro della Giustizia Orlando, presentato in Parlamento a gennaio. Nello stesso periodo si terranno…
238

Attenti a cosa dite e cosa fate. La paura di fare e parlare

In questo momento storico si ravvisa molta ipocrisia e falsità, dove tutti sono perbenisti, generosi e privi di (pre)giudizio. Al contrario una una parola distrattamente e superficialmente detta può…
301

Elezioni Consiglio Ordine Avvocati, accolto il ricorso al Consiglio di Stato, si va verso il rinvio.

Elezioni Consiglio Ordine Avvocati, accolto il ricorso al Consiglio di Stato, si va verso il rinvio. Il Consiglio di Stato, quarta sezione giudicante, ha accolto il ricorso di alcune associazioni di…
687

Incidenti stradali e liti fino a 50mila euro, la negoziazione dell’avvocato diventa obbligatoria.

Conto alla rovescia per la negoziazione assistita obbligatoria: da lunedì prossimo, 9 febbraio, prima di iniziare davanti al giudice alcune tipologie di controversie civili, occorrerà rivolgersi agli…

IN EVIDENZA

3492

Differita Evento Streaming Processo Telematico

Il sito Giudicedipace.it e' lieto di offrire ai propri lettori, in collaborazione con…
391

Regolamento recante disposizioni per l’accertamento dell’esercizio della professione di Avvocato

Il Ministero della Giustizia ha adottato lo schema del decreto relativo al “Regolamento…
3395

Corte di Cassazione n. 26696/2013 – avvocati –domiciliazioni – Pec – 28.11.2013 -

"Le Sezioni Unite di questa Corte, nel ribadire la perdurante operatività del R.D. n. 37…
2950

Solo vacanze, niente stress Il risarcimento per la vacanza rovinata

Dopo un anno di lavoro, di stress e di lotta per la sopravvivenza nella giungla della…
3397

Corte di Cassazione n.12545 – notifiche – rifiuto della ricezione del plico - 22.05.2013. -

“Presupposto indispensabile per la valutazione della ritualità della notifica è…

Twitter

Tweet preferiti da @Giudicedipaceit