This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Corte di Cassazione n. 11141/2015 – riparto di giurisdizione in materia di esecuzione esattoriale – 29.05.2015.

“Le Sezioni Unite hanno più volte affrontato e risolto la questione relativa al riparto di giurisdizione in materia di opposizione ad esecuzione esattoriale affermando che in caso di opposizione a più cartelle esattoriali o ad unica cartella che si fondi su una pluralità di pretese, alcune delle quali di natura tributaria ed altre di natura diversa, ove l’impugnazione sia stata proposta congiuntamente, senza distinguere la natura dei crediti, innanzi al giudice ordinario, questi deve trattenere la causa innanzi a sé in relazione ai crediti d’imposta non tributari, e rimettere la causa innanzi al giudice tributario per la parte in cui il provvedimento si riferisce a crediti di competenza di…

Corte di Cassazione Ordinanza 25852/2015 - Equitalia insiste nella riscossione? Colpa grave e risarcimento danni !

La Corte di Cassazione, con l'Ordinanza in oggetto, ha ribadito un principio molto importante per i contribuenti: L' Agente della riscossione che insiste nel voler riscuotere forzatamente un credito, nonostante non ce ne siano i titoli oi presupposti, non può nascondersi dietro al fatto di agire per conto dell'Ente impositore e che pertanto non può rinunciare all'azione. Pertanto, nel caso in cui la stessa, come nel caso di specie, insista, ingiustificatamente,nel portare avanti l'esecuzione, deve pagare, oltre alle spese processuali, anche il risarcimento al contribuente. L’agente alla riscossione agisce in giudizio in proprio, sia pure in virtù del sottostante mandato che la lega con…

Corte di Cassazione sentenza n. 24629/2015 - opposizione a decreto ingiuntivo – spetta all’opponente avviare il procedimento di mediazione, in mancanza l’opposizione sarà improcedibile – 03/12/2015 -

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha definitivamente chiarito: “E', dunque, l'opponente ad avere interesse ad avviare il procedimento di mediazione pena il consolidamento degli effetti del decreto ingiuntivo ex art. 653 c.p.c.. Soltanto quando l'opposizione sarà dichiarata procedibile riprenderanno le normali posizioni delle parti: opponente convenuto sostanziale, opposto - attore sostanziale. Ma nella fase precedente sarà il solo opponente, quale unico interessato, ad avere l'onere di introdurre il procedimento di mediazione; diversamente, l'opposizione sarà improcedibile”. CORTE DI CASSAZIONE III SEZIONE CIVILE SENTENZA N. 24629/2015 Presidente: VIVALDI ROBERTA Relatore:…

Corte di Cassazione n. 22107/2015 – garanzia della cosa venduta – vizio – Il termine breve per la denuncia decorre dal momento della scoperta – 29.10.2015 -

“In tema di garanzia per vizi della cosa venduta, ai fini della decorrenza del termine breve di otto giorni per la denuncia, solo per il "vizio apparente", che è quello rilevabile attraverso un rapido e sommario esame del bene utilizzando una diligenza inferiore a quella ordinaria, il "dies a quo" decorre dal giorno del ricevimento della merce, mentre per gli altri vizi il termine decorre dal momento della "scoperta", la quale si ha allorquando il compratore abbia acquistato "certezza" (e non semplice sospetto) che il vizio sussista.” CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II CIVILE SENTENZA N. 22107/2015 Presidente: PICCIALLI LUIGI Relatore: MATERA LINA Data pubblicazione: 29/10/2015 SENTENZA sul…

Corte di Cassazione n° 13766/08 – uso del cellulare mentre si guida un veicolo costituisce pericolo per la circolazione – 27.05.08. -

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

Sanzioni Amministrative
Pertanto, l'uso del cellulare per la ricerca d'un numero telefonico nella relativa rubrica o per qualsiasi altra operazione dall'apparecchio stesso consentita, risulta, in relazione alla finalità perseguita dalla norma, censurabile sotto entrambi gli evidenziati profili, in quanto determina non solo una distrazione in genere, implicando lo spostamento dell'attenzione dalla guida all'utilizzazione dell'apparecchio e lo sviamemento della vista dalla strada all'apparecchio stesso, ma anche l'impegno d'una delle mani sull'apparecchio con temporanea indisponibilità e, comunque, consequenziale ritardo nell'azionamento, ove necessario, dei sistemi di guida, ritardo non concepibile ove si consideri che le esigenze della conduzione del veicolo possono richiedere tempi psicotecnici di reazione immediati.   



                                                    CORTE DI CASSAZIONE 
  

                                                   Sentenza n. 13766/2008 
 

Presidente e relatore Settimj  

Ricorrente M. 
  


                                                           Fatto e Diritto 
 

Vitaliano Enrico M. impugna per cassazione la sentenza 24.10.05 con la quale il Giudice di Pace di  Alessandria ne ha respinto l'opposizione proposta avverso il verbale di contestazione n. …. redatto nei suoi confronti dai Carabinieri di Spinetta Marengo per violazione dell' art. 173/II CdS accertata il 14.4.05.
Parte intimata non svolge attività difensiva. Attivatasi procedura ex art. 375 CPC, il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale, cocordando con il parere espresso nella nota di trasmissione, conclude con richiesta di rigetto del ricorso. 
 
Al riguardo le considerazioni svolte dal Procuratore Generale e la conclusione cui è pervenuto sono senza dubbio da condividere.
Si duole il ricorrente - denunziando violazione dell'art. 173/II CdS - che il giudice a quo non abbia ritenuto valide le difese svolte, con le quali aveva evidenziato che non stava usando il telefono cellulare per conversare ma per prelevarne dati dalla rubrica, ed operato un'indebita interpretazione estensiva della norma, diretta, invece, a sanzionare il solo uso del telefono cellulare a fini di conversazione.
 Il motivo è manifestamente infondato.  
La ratio della norma - che costituisce una delle specificazioni alle quali rinvia il secondo comma dell' art. 140 CdS dopo aver posto, al primo comma, il principio generale per cui “Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo od intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale” così stabilendo a priori l'illegittimità d'una condotta di guida genericamente pericolosa riconducibile a ciascuna delle prescrizioni di seguito singolarmente dettate - è, infatti, intesa, come dimostra una coordinata lettura del suo testo integrale per cui “è consentito l'uso di apparecchi viva voce o dotati di auricolare ... che non richiedono per il loro funzionamento l'uso delle mani”, a prevenire comportamenti tali da determinare, in generale, la distrazione dalla guida ed, in particolare, l'impegno delle mani del guidatore in operazioni diverse da quelle strettamente inerenti alla guida stessa. Pertanto, l'uso del cellulare per la ricerca d'un numero telefonico nella relativa rubrica o per qualsiasi altra operazione dall'apparecchio stesso consentita, risulta, in relazione alla finalità perseguita dalla norma, censurabile sotto entrambi gli evidenziati profili, in quanto determina non solo una distrazione in genere, implicando lo spostamento dell'attenzione dalla guida all'utilizzazione dell'apparecchio e lo sviamemento della vista dalla strada all'apparecchio stesso, ma anche l'impegno d'una delle mani sull'apparecchio con temporanea indisponibilità e, comunque, consequenziale ritardo nell'azionamento, ove necessario, dei sistemi di guida, ritardo non concepibile ove si consideri che le esigenze della conduzione del veicolo possono richiedere tempi psicotecnici di reazione immediati.  Il giudice a quo non ha dunque, operato un'indebita interpretazione estensiva, bensì si è attenuto ad una lettura non solo logica ma anche letterale della norma.  L'esaminato motivo non meritando accoglimento, il ricorso va, dunque, respinto.
Parte intimata non avendo svolto attività difensiva, il ricorrente evita le conseguenze della soccombenza. 
 

                                                                 P.Q.M. 
 

La Corte respinge il ricorso
 

News Legislative

602

Confermato lo sciopero dei Giudici di Pace dal 23 al 30 novembre

Comunicato stampa - L’unione Nazionale dei Giudici di Pace manifesta il proprio totale disappunto sull’operato del Governo in sede emendativa al ddl stabilità.La previsione di una proroga di appena 5…
638

Circolare 23 ottobre 2015 - Adempimenti di cancelleria relativi al Processo Civile Telematico

 Ministero della Giustizia Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Civile Al Sig. Presidente della Corte Suprema di Cassazione Ai Sigg.ri Presidenti di Corte…
809

Cassazione Sezioni Unite n. 19704/2015 - impugnabile l'estratto di ruolo -

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha finalmente risolto l'annosa questione sulla impugnabilità dell'estratto di ruolo non notificato. Gli ermellini, in particolare, nel provvedimento affermano…
657

Uffici giudiziari: Ministero Giustizia e Anci siglano accordo quadro per accompagnare gestione trasferimento competenze

Una complessiva collaborazione deve accompagnare un passaggio storico: il 1 settembre le funzioni in materia di gestione degli uffici giudiziari transitano dai Comuni al Ministero della Giustizia. La…
1493

DL 83/2015 - PCT e il nuovo intervento del legislatore

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 147 del 27/6/2015 il D.L. 27/6/2015, n. 83 recante "Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e…
906

il Governo riforma ancora l'esecuzione civile

Ancora una volta il Governo interviene sul processo civile, sull’esecuzione e con la decretazione d’urgenza. È dura rilevare quale sia l’urgenza di provvedere con decreto-legge e di rinunciare così,…

IN EVIDENZA

4911

Differita Evento Streaming Processo Telematico

Il sito Giudicedipace.it e' lieto di offrire ai propri lettori, in collaborazione con…
1628

Regolamento recante disposizioni per l’accertamento dell’esercizio della professione di Avvocato

Il Ministero della Giustizia ha adottato lo schema del decreto relativo al “Regolamento…
5014

Corte di Cassazione n. 26696/2013 – avvocati –domiciliazioni – Pec – 28.11.2013 -

"Le Sezioni Unite di questa Corte, nel ribadire la perdurante operatività del R.D. n. 37…