Tribunale di Napoli - fermo amministrativo - competenza Giudice di Pace - 20.12.2013.

Importante sentenza del Tribunale di Napoli, in materia di fermo amministrativo, con particolare riferimento alla competenza del Giudice di Pace, in materia di opposizione all’esecuzione. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI NAPOLI - Quinta Sezione Civile - in composizione monocratica, in persona del Giudice, dott. Salvatore Di Lonardo, ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n. 15331/2012 del ruolo generale degli affari contenziosi dell'anno 2010, avente ad OGGETTO: "opposizione a fermo amministrativo", e vertente TRA (......)., rappresentato e difeso dall'Avv. (......); E Equitalia Sud spa (P. IVA 11210661002), rappresentata e difesa…

Corte Costituzionale n. 235/2014 – sinistri stradali - risarcimento danni –lesioni di lieve entità – danno biologico – danno morale -

Interessante sentenza della Corte Costituzionale in materia di risarcimento danni derivanti da sinistro stradale, in partricolare di liquidazione delle lesioni di lieve entità, del riconoscimento del danno biilogico e del danno morale. SENTENZA N. 235 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Giuseppe TESAURO; Giudici : Sabino CASSESE, Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI, Giorgio LATTANZI, Aldo CAROSI, Marta CARTABIA, Sergio MATTARELLA, Mario Rosario MORELLI, Giancarlo CORAGGIO, Giuliano AMATO, ha pronunciato la seguente SENTENZA nei giudizi di legittimità costituzionale…

Corte d’Appello Lecce, Sez.Lavoro, sentenza n° 668/2014 - Prescrizione crediti e cartella esattoriale non opposta: no applicazione analogica art. 2953 cc - 14.03.2014 -

“Alla luce di un più approfondito esame della materia, non può che ritenere che solo il credito derivante da una sentenza passata in giudicato si prescrive entro il termine di dieci anni, per diretta applicazione dell’art. 2953 c.c. (che in quanto norma di carattere eccezionale, non può estendersi per analogia a casi semplicemente assimilabili), mentre, se la definitività del credito non deriva da un provvedimento giurisdizionale irrevocabile, vale il termine di prescrizione di cinque anni previsto dalla norma specifica (Cass. 10.12.2009 n. 25790)” (C. App., Sez. Lav., Sent. N. 668/2014 del 14/03/2014). REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello di Lecce – Sezione…

Corte Costituzionale Ordinanza n 180/2014

Corte Costituzionale Ordinanza n 180 - Giudizio di legittimita' costituzionale in via incidentale. Responsabilita' civile - Danni da sinistro stradale - Accesso al Fondo di garanzia per le vittime della strada. - Decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle assicurazioni private), art. 287, comma 1. - (GU 1a Serie Speciale - Corte Costituzionale n.27 del 25-6-2014) - 18/06/2014. - LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente:Sabino CASSESE; Giudici :Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI, Aldo CAROSI, Marta CARTABIA, Sergio MATTARELLA, Mario Rosario MORELLI, Giancarlo CORAGGIO, Giuliano AMATO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA…

Corte di Cassazione n° 13766/08 – uso del cellulare mentre si guida un veicolo costituisce pericolo per la circolazione – 27.05.08. -

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

Sanzioni Amministrative
Pertanto, l'uso del cellulare per la ricerca d'un numero telefonico nella relativa rubrica o per qualsiasi altra operazione dall'apparecchio stesso consentita, risulta, in relazione alla finalità perseguita dalla norma, censurabile sotto entrambi gli evidenziati profili, in quanto determina non solo una distrazione in genere, implicando lo spostamento dell'attenzione dalla guida all'utilizzazione dell'apparecchio e lo sviamemento della vista dalla strada all'apparecchio stesso, ma anche l'impegno d'una delle mani sull'apparecchio con temporanea indisponibilità e, comunque, consequenziale ritardo nell'azionamento, ove necessario, dei sistemi di guida, ritardo non concepibile ove si consideri che le esigenze della conduzione del veicolo possono richiedere tempi psicotecnici di reazione immediati.   



                                                    CORTE DI CASSAZIONE 
  

                                                   Sentenza n. 13766/2008 
 

Presidente e relatore Settimj  

Ricorrente M. 
  


                                                           Fatto e Diritto 
 

Vitaliano Enrico M. impugna per cassazione la sentenza 24.10.05 con la quale il Giudice di Pace di  Alessandria ne ha respinto l'opposizione proposta avverso il verbale di contestazione n. …. redatto nei suoi confronti dai Carabinieri di Spinetta Marengo per violazione dell' art. 173/II CdS accertata il 14.4.05.
Parte intimata non svolge attività difensiva. Attivatasi procedura ex art. 375 CPC, il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale, cocordando con il parere espresso nella nota di trasmissione, conclude con richiesta di rigetto del ricorso. 
 
Al riguardo le considerazioni svolte dal Procuratore Generale e la conclusione cui è pervenuto sono senza dubbio da condividere.
Si duole il ricorrente - denunziando violazione dell'art. 173/II CdS - che il giudice a quo non abbia ritenuto valide le difese svolte, con le quali aveva evidenziato che non stava usando il telefono cellulare per conversare ma per prelevarne dati dalla rubrica, ed operato un'indebita interpretazione estensiva della norma, diretta, invece, a sanzionare il solo uso del telefono cellulare a fini di conversazione.
 Il motivo è manifestamente infondato.  
La ratio della norma - che costituisce una delle specificazioni alle quali rinvia il secondo comma dell' art. 140 CdS dopo aver posto, al primo comma, il principio generale per cui “Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo od intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale” così stabilendo a priori l'illegittimità d'una condotta di guida genericamente pericolosa riconducibile a ciascuna delle prescrizioni di seguito singolarmente dettate - è, infatti, intesa, come dimostra una coordinata lettura del suo testo integrale per cui “è consentito l'uso di apparecchi viva voce o dotati di auricolare ... che non richiedono per il loro funzionamento l'uso delle mani”, a prevenire comportamenti tali da determinare, in generale, la distrazione dalla guida ed, in particolare, l'impegno delle mani del guidatore in operazioni diverse da quelle strettamente inerenti alla guida stessa. Pertanto, l'uso del cellulare per la ricerca d'un numero telefonico nella relativa rubrica o per qualsiasi altra operazione dall'apparecchio stesso consentita, risulta, in relazione alla finalità perseguita dalla norma, censurabile sotto entrambi gli evidenziati profili, in quanto determina non solo una distrazione in genere, implicando lo spostamento dell'attenzione dalla guida all'utilizzazione dell'apparecchio e lo sviamemento della vista dalla strada all'apparecchio stesso, ma anche l'impegno d'una delle mani sull'apparecchio con temporanea indisponibilità e, comunque, consequenziale ritardo nell'azionamento, ove necessario, dei sistemi di guida, ritardo non concepibile ove si consideri che le esigenze della conduzione del veicolo possono richiedere tempi psicotecnici di reazione immediati.  Il giudice a quo non ha dunque, operato un'indebita interpretazione estensiva, bensì si è attenuto ad una lettura non solo logica ma anche letterale della norma.  L'esaminato motivo non meritando accoglimento, il ricorso va, dunque, respinto.
Parte intimata non avendo svolto attività difensiva, il ricorrente evita le conseguenze della soccombenza. 
 

                                                                 P.Q.M. 
 

La Corte respinge il ricorso
 
Condividi

News Legislative

93

Sinistri stradali, parte la Negoziazione Assistita

Chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa a una controversia in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli deve, tramite il suo avvocato, invitare l'altra parte a…
168

PROCESSO TELEMATICO - circolare 28/10/2014 su adempimenti di cancelleria

Circolare 28 ottobre 2014 - Adempimenti di cancelleria conseguenti all'entrata in vigore degli obblighi di cui agli artt. 16 bis e sgg. d.l. 179/2012 e 90/2014. Testo consolidato aggiornato al 27…
655

I Giudice di Pace ancora in sciopero dal 4 al 10 novembre

L’Unione Nazionale Giudici di pace ha deliberato il nuovo sciopero dei giudici di pace dal 4 al 10 novembre. non essendo consentito dal nostro codice di autoregolamentazione lo sciopero nel periodo…
323

Carta revolving diventa incubo per una famiglia napoletana: c'è il rimborso

Una coppia napoletana di Fuorigrotta: lui fa il portiere di uno stabile, la moglie lavora all’Asl. Scoprono di essere stati ingannati con la carta di credito “revolving”, diventata incubo per molti…
293

L’Anm scende in campo contro la riforma della giustizia del governo

L'Associazione nazionale magistrati scende in campo contro il progetto di riforma della giustizia voluto dal governo Renzi: l'Anm ha convocato per domenica 9 novembre a Roma «un'assemblea generale…
579

Cassazione: la prima casa e' impignorabile. Legge retroattiva

La norma che impedisce a Equitalia l’espropriazione della prima casa è applicabile a tutti i procedimenti di esecuzione in corso, anche se posti in essere in un momento precedente alla sua…

IN EVIDENZA

2866

Corte di Cassazione n. 26696/2013 – avvocati –domiciliazioni – Pec – 28.11.2013 -

"Le Sezioni Unite di questa Corte, nel ribadire la perdurante operatività del R.D. n. 37…
2482

Solo vacanze, niente stress Il risarcimento per la vacanza rovinata

Dopo un anno di lavoro, di stress e di lotta per la sopravvivenza nella giungla della…
2907

Corte di Cassazione n.12545 – notifiche – rifiuto della ricezione del plico - 22.05.2013. -

“Presupposto indispensabile per la valutazione della ritualità della notifica è…

Twitter

Tweet preferiti da @Giudicedipaceit